XXII FESTIVAL INTERNAZIONALE degli Ottoni Italian Brass Week

Italian Brass Week 2017

ITALIAN BRASS WEEK  

XVIII Festival Internazionale 

Firenze, 8-16 luglio 2017 

Il Festival Internazionale ITALIAN BRASS WEEK, creato e diretto dal M° Luca Benucci, primo corno dell'Orchestra del  Maggio Musicale Fiorentino, giunge quest'anno alla sua diciottesima edizione. Come per le precedenti edizioni si  svolgerà a Firenze, dall'8 al 16 luglio 2017, coinvolgerà docenti ed ospiti internazionali che saranno impegnati in una  settimana di masterclasses, conferenze e concerti dedicati al mondo degli Ottoni. 

Elemento chiave del Festival è l’internazionalità, docenti provenienti da Germania, Olanda, USA, Canada, Venezuela,  Russia, Italia, Norvegia, Australia, Ungheria, Franca, Gran Bretagna incontreranno allievi di ben oltre trenta paesi del  mondo, dal Giappone al Sud America. Una settimana intensa di emozioni che vederà una sinergia di personalità,  istituzioni, enti, associazioni della città, della Toscana, dell’Italia, dell’Europa e del mondo intero, unirsi nella Musica  e nel Brass World, insieme agli sponsor, ai sostenitori e agli addetti del settore che contribuiscono alla sua  realizzazione: Yamaha, B & S Markneukirchen, Antoine Courtois, Stomvi Art and Technology, Conn-Selmer Inc,  Vincent Bach, Besson, International Horn Society, International Trumpet Guild, International Tuba and Euphonium  Association. 

Tutte le stelle del firmamento Brass si riuniranno a Firenze. Per le Trombe avremo: FRANCISCO “PACHO” FLORES,  Solista Internazionale e Artista Deutsche Grammophon; OTTO SAUTER, Solista e Docente Internazionale; SERGEI  NAKARIAKOV, Solista Internazionale; CLAUDIO QUINTAVALLA, Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino; ANDREA  TOFANELLI, Solista e Docente Internazionale; REX RICHARDSON, Solista Internazionale e Docente alla Virginia  Commonwealth University. 

 

Come per le precedenti edizioni fiorentine i Partners istituzionali saranno: il Teatro dell'Opera di Firenze, il Comune,  la Provincia-Città Metropolitana, la Regione, la World Brass Association, la European Brass Association e A.N.B.I.M.A,  Estate Fiorentina. 

Per la sezione Media partners rinnoviamo la collaborazione con: Amadeus, Suonare news, Teatrionline, Rivista  Musica, Toscana Tascabile, Firenze Spettacolo, The Florentine, Rete Toscana Classica, Novaradio Città Futura, Firenze  Notte. 

Per questo anno il Festival godrà del patrocinio di diverse Ambasciate e Consolati: Ambasciata di Australia a Roma,  Ambasciata del Canada a Roma, Consolato Onorario di Francia a Firenze, Ambasciata della Gran Bretagna a Roma,  Ambasciata di Israele a Roma, Reale Ambasciata di Norvegia a Roma, Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi a Roma,  Ambasciata della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Roma. 

Per questa diciottesima edizione il Festival ha scelto quale fulcro concertistico il sommo Maestro Giotto di Bondone  (1267-1337), nel suo 750esimo anniversario dalla nascita, ripercorrendo i luoghi biografici fiorentini dell'Artista. Come l'arte giottesca anche il Festival si propone di essere rivoluzionario, anticipare i valori formali e ideali del  mondo degli Ottoni nelle due Missions: Music to People e Wings to Talent, i pilastri di questa edizione. Molti allievi del Festival, così come fece quello stuolo di pittori che si mise sulle orme di Giotto, trarranno ispirazione  dalle lezioni, dalle conferenze, dai recitals e dai concerti dei loro Maestri, docenti e solisti internazionali, e  intraprenderanno i loro filoni di ricerca che rinnoveranno la visione e l'approccio musicale contemporaneo,  continuando quell'opera artistica che ha come scopo primario quello di suscitare negli animi di esecutori e  ascoltatori le più profonde, nella certezza che la Bellezza salverà il mondo. 

La rivoluzione del Festival segue, dunque, le orme di Giotto e le fa mettendo in scena azioni concrete ambientate in  spazi reali della città gigliata, dalle naturalità musicali più spiccate. 

Ed ecco i luoghi giotteschi del Festival. 

Il Campanile di Giotto sarà lo scenario dell'anteprima del Festival “Giotto Bells” (8 luglio 2017, ore 19.30) e ospiterà  la prima esecuzione mondiale delle creazioni dei Maestri Michele Manganelli, Fabiano Fiorenzani e Cesare Valentini commissionatagli dal Festival stesso. Gli Ottoni del Maggio Musicale Fiorentino, sotto la direzione del M° Alain  Trudel, si uniranno alle Campane dell'opera architettonica giottesca fondendosi negli elementi del linguaggio del  Maestro, in una creazione musicale tanto policroma quanto marmorea nella quale i vari timbri degli Ottoni si faranno  

interpreti del messaggio artistico dei compositori Michele Manganelli, Fabiano Fiorenzani e Cesare Valentini. La Basilica di Santa Maria Novella, che dal Duecento custodisce il Crocifisso di Giotto, sarà il palcoscenico dei Recitals  dei Solisti del Festival (11 luglio 2017, ore 21.30), accompagnati dall'organo maggiore di Daniele Paoli, suonato dal  M° Andrea Severi, in un viaggio musicale di fattura divina che si unirà alla potenza plastica dell'immagine giottesca  della Divinità, mettendo in luce come dalla drammaticità dell'evento e di certe tonalità musicali, così come di certi  chiaroscuri pittori e anche armonici, possano riaffiorare elementi di rinascita che trovano base nella resurrezione. Il Museo Nazionale del Bargello, dove Giotto nell'affresco raffigurante il Paradiso nella Cappella del Podestà ritrae  Dante, suo concittadino e coetaneo, ospiterà i Solisti internazionali dell'Italian Brass Week – Francisco “Pacho” Flores  e Otto Sauter alla tromba, Frank Lloyd al corno e Alain Trudel al trombone - che si uniranno all'Orchestra da Camera  Fiorentina, sotto la direzione del M° Giuseppe Lanzetta (12 luglio 2017, ore 21.00). 

Il fiume Arno e Ponte Vecchio saranno i luoghi deputati all'esecuzione di una nuova prima assoluta mondiale  dedicata a Giotto e agli Ottoni (15 luglio 2017, dalle ore 19.30). Questo evento si distingue, da ormai tre anni, per la  sua originalità e la forte presa sul pubblico internazionale. La composizione, commissione del Festival, è stata  assegnata al noto compositore Enjott Schneider. Dalla sua penna nasce 'Water Music, Golden Brass sul Ponte  Vecchio'. L’esecuzione di questa opera sarà affidata a ben 18 solisti che, alla guida del M° Dale Clevenger, suoneranno a bordo delle barche storiche dei Renaioli. A loro si uniranno due Brass Orchestre, la prima, formata da 50 elementi,  si esibirà dal Lungarno Torrigiani, sotto la direzione del M° Roger Bobo. La seconda, formata da 40 elementi, sarà  affidata alla bacchetta di Alain Trudel. Impreziosirà l'esecuzione la voce del soprano Eva Lind, stella del panorama  lirico che, dal Ponte Vecchio, si farà portavoce del messaggio artistico di Giotto. 

I concerti d'Inaugurazione e di Chiusura del XVIII Festival Internazionale Italian Brass Week (9 e 16 luglio 2017, ore  21.15) saranno inseriti nel più ampio calendario di eventi della Stagione Estiva 2017 del Teatro dell'Opera di Firenze,  consolidato Partner istituzionale. 

Il Cortile dell'Ammannati, in Palazzo Pitti, sarà il palcoscenico ideale per l'esibizione degli Ottoni del Maggio Musicale  Fiorentino (9 luglio 2017), gruppo dinamico e versatile, da anni protagonista della scena musicale internazionale,  per un programma che dal Rinascimento arriva ai nostri giorni; così come per l'Italian Brass Week's World Big Band  che chiuderà il Festival con gli special guests internazionali Andrea Tofanelli, Rex Richardson e Alain Trudel, impegnati  in virtuosismi ed acrobazie sonore costruite sui più noti standard jazz americani e non solo. 

Oltre ai due appuntamenti sopra citati, Palazzo Pitti ospiterà anche la prima assoluta mondiale de 'I Titani', nuova  partitura composta da Francesco Traversi, recentemente insignito della Medaglia d'Oro quale Miglior Compositore  dell'anno al Global Music Award di San Diego (California, USA), per 10 ottoni solisti e orchestra sinfonica. I  protagonisti del Festival si uniranno all'Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, sotto la bacchetta del M° Philipp  von Steinaecker (13 luglio 2017, ore 21.15). 

Un intenso programma di eventi che si prefigge di raggiungere e superare i numeri e i livelli della scorsa edizione,  percorrendo un viaggio musicale attraverso la storia e i luoghi del capoluogo fiorentino in nome dell'internazionalità. 

Per i Corni: DALE CLEVENGER, Ex Chicago Symphony Orchestra e Indiana University; LUCA BENUCCI, Orchestra del  Maggio Musicale Fiorentino e Conservatorio di Musica “B. Maderna” di Cesena; FRØYDIS REE WEKRE, Membro  dell'International Horn Society, Docente alla Ingesund Music Academy (Svezia) e al Royal Northen College of Music  di Manchester (Gran Bretagna); FRANCIS LLOYD, Solista Internazionale. 

Per i Tromboni avremo: ALAIN TRUDEL, Solista e Docente internazionale, ambasciatore della musica canadese al  Canadian Music Centre, Yamaha International Artist e direttore dell'Orchestre Symphonique de Laval; JAMIE  WILLIAMS, Deutsche Oper di Berlino e docente alla Hochschule für Musik und Theater di Rostock e alla Hanns Eisler  Hochschule für Musik di Berlino; GABRIELE MALLOGGI, Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino; JONATHAN  REITH, Orchestre National de France. 

E, infine, per le Tube: ROGER BOBO, Ex Los Angeles Philarmonic Orchestra, Brass legend e Docente alla Musashino  School of Music di Tokyo; ANNE JELLE VISSER, Orchestra dell'Opera di Zurigo, Docente alla Hochschule der Kunste di  Zurigo, Yamaha International Artist; STEVE ROSSE, Solista e Docente Internazionale, Sydney Symphony Orchestra;  ROLAND TZENPALI, Solista Internazionale.